Dottore in Teologia Biblica, laureato in Educazione, e come è solito dire quando si presenta, laico “chimicamente puro”, cioè non è stato mai seminarista, né postulante in nessuna congregazione religiosa. Fin dall’inizio, la sua formazione teologica è partita dalla prospettiva della vocazione di un laico al servizio della Chiesa.
Dopo aver studiato Teologia in Cile, si reca in Germania per proseguire gli studi di dottorato, grado che ottenne nel 1995 presso la Eberhard-Karls-Universität di Tubinga con una tesi sui profeti, dal titolo “E Dio perse la pazienza. Studi sulla critica profetica al culto”. Dal 1997 è membro della Commissione Nazionale di Pastorale Biblica della Conferenza Episcopale cilena. L’elenco delle sue pubblicazioni è assai lungo, come pure di articoli in riviste di divulgazione e scientifiche in Cile e all’estero; ha scritto anche diversi libri, uno tra i tanti dedicato al tema del buon umore e dell’allegria nella Bibbia («Jonás y Jesús. Una aproximación al humor y a la alegría en la Biblia”, San Pablo, Santiago de Chile 2002). Il tema “allegria, buon umore e Bibbia” costituisce uno degli interessi centrali del suo lavoro di ricerca.
Attualmente svolge la sua attività accademica presso l’Istituto di Teologia dell’Università della Santísima Concepción, dove coordina anche gli studi di laurea sulla Bibbia. Dal 2011 è coordinatore del Dipartimento di Animazione Biblica della Pastorale dell’Archidiocesi di Concepción.
In questa relazione, l’autore approfondirà la relazione educativa di Gesù con i suoi discepoli, in modo da poterne trarre piste valide per la nostra azione educativa.
Relazione: Colui che crede di essere un “puro sangue” scagli la prima pietra.