Rafel Tresserras Fluvià lavora dal 1994 nella Escola Pia d’Olot (provincia di Catalogna).  Laureato in Geografia e Storia, e diplomato in Scienze Religiose. Attualmente, è professore di Scienze Sociali, Etica e Cultura religiosa nella tappa Secondaria obbligatoria e incaricato del quarto corso di ESO. Coordina anche l’Azione Pastorale di tutta la scuola ed è membro del Consiglio di Direzione.
E’ coordinatore del Gruppo UNESCO che si occupa di temi quali la solidarietà, il medio ambiente e la partecipazione degli alunni nel centro scolastico.
E’membro del  Grup Missió, un gruppo che si riunisce una volta al mese per commentare, condividere e dialogare sui testi della Bibbia, e relazionarli con la realtà che ci circonda.
Nella scuola si è occupato e si occupa di diversi progetti connessi alle materie che insegna: l’elaborazione e l’organizzazione del Piano Pastorale, la leadership condivisa di un gruppo di cui fanno parte le persone che sono nelle equipe Pastorale, Ecologia, Scuole Verdi, Gruppi Cooperativi e Salute, e che lavorano insieme.  Rafel si occupa anche delle Scuole Associate all’UNESCO ( XEAUC / Rete di Scuole Associate all’UNESC). Forma parte dell’ ONG Fundació Educació Solidària  (Fondazione Educazione  Solidale) della Escola Pia de Catalunya , ed è un membro attivo del Consiglio di Cooperazione di Olot.

Obiettivi dell’atelier:

  • Promuovere la partecipazione e lo scambio di esperienze di tutti i docenti che formano parte dell’atelier.
  • Riflettere sull’importanza della partecipazione degli alunni nell’organizzazione e decisioni del centro, osservando gli spazi, le attività, i canali che la facilitino.
  • Analizzare le strutture pedagogiche e il funzionamento dei centri educativi, in quanto garanti e trasmettitori dei valori della democrazia.
  • Analizzare i possibili spazi di partecipazione degli alunni nel centro scolastico.
  • Considerare il ruolo dei delegati e delegate di corso, quali persone che dinamizzano i processi democratici nell’aula, e motore di attività e progetti della scuola.
  • Partendo da un atelier tracciare uno spazio dinamico e partecipativo di tutti i presenti, le basi e le possibili linee di azione, che ci permettano di disegnare il significato e l’importanza della partecipazione degli alunni nei centri scolastici.